Home » Casa e Pulizie Domestiche » Acido Citrico: come usarlo per le pulizie della casa

Acido Citrico: come usarlo per le pulizie della casa

L’ Acido Citrico è una sostanza naturale presente nella frutta ed in particolare negli agrumi (il succo di limone ad esempio ne contiene il 5-7%). È usato nell’industria alimentare e farmaceutica come acidificante, antiossidante e conservante e viene identificato in etichetta con la sigla E330.

L’ Acido Citrico puro si presenta in forma anidra (ovvero senza particelle d’acqua) e va utilizzato preparando una soluzione al 10% o al 15% in base dalla durezza dell’acqua della propria zona: maggiore è la durezza – e quindi il calcare presente nei rubinetti e negli elettrodomestici – più alta sarà la concentrazione da usare. Dove l’acqua è molto “dura”, servirà una soluzione al 20%.

La durezza dell’acqua indica la quantità di sali di calcio e magnesio presenti nell’acqua e si misura in gradi francesi:

1° classe <15°F dolce

2° classe > 15°F e < 25°F media

3° classe > 25° F dura

Preparazione

  • Per una soluzione al 10% sciogliere 100 gr. di acido citrico anidro in 1 litro d’acqua
  • Per una soluzione al 15% sciogliere 150 gr. di acido citrico anidro in 1 litro d’acqua
  • Per una soluzione al 20% sciogliere 200 gr. di acido citrico anidro in 1 litro d’acqua

E’ consigliabile usare acqua distillata perché il calcare sciolto nell’acqua di rubinetto “impegna” una parte di acido citrico, formando citrato e diminuendone (di poco) la concentrazione. Se non abbiamo acqua distillata anche l’acqua del rubinetto va benissimo.

Modalità d’uso: 

  • ANTICALCARE: su tutte le superfici lavabili (bagno,box doccia, rubinetteria,cucina…): applicare una soluzione al 15% per eliminare le incrostazioni calcaree, lasciare agire qualche minuto quindi risciacquare.
  • DISINCROSTANTE PER LAVATRICE E LAVASTOVIGLIE: versare 1 litro di una soluzione al 15% direttamente nel cestello vuoto della lavatrice ed avviare un programma ad alta temperatura (almeno 50 gradi) senza prelavaggio. Per la lavastoviglie, versare la soluzione sul fondo ed avviare un ciclo ad alta temperatura a lavastoviglie vuota.
  • AMMORBIDENTE: versare 100 ml di una soluzione al 10% o 15% nella vaschetta dell’ammorbidente. L’acido citrico neutralizza l’alcalinità che si è fissata nei tessuti, diminuisce le cariche elettrostatiche e aggiunge un gradevole profumo alla biancheria. Si possono aggiungere poche gocce del nostro olio essenziale preferito per profumare l’ammorbidente.
  • BRILLANTANTE PER LAVASTOVIGLIE: riempire la vaschetta del brillantante con una soluzione al 15-20% e regolare l’indicatore al massimo.
  • DISINCROSTANTE MACCHINA DEL CAFFE’: la soluzione può essere utilizzata per rimuovere incrostazioni di calcare da macchine da caffè, ferro da stiro, caraffe, bollitore, ecc. sciogliendo 180 gr di acido citrico in 1 litro d’acqua e seguendo le istruzioni di lavaggio dell’apparecchio.
  • DISGORGANTE PER SCARICHI. Versare nello scarico (di lavandini o wc) 100 grammi di bicarbonato di sodio e poi aggiungerci una soluzione ottenuta sciogliendo 30 grammi di acido citrico in 200 ml di acqua.Le due sostanze reagiscono tra loro perché una è acida e l’altra debolmente alcalina, l’effervescenza che si ottiene (si vede e si sente fino nei tubi) comporta un’azione meccanica che mobilizza lo sporco e libera lo scarico.

Precauzioni

►Conservare il contenitore dell’acido citrico ben chiuso , in luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce. Non mescolare con altri additivi.

►Non usare direttamente sui tessuti. Non utilizzare su marmo e pietre, legno, tutte le superfici sulle quali è sconsigliato l’uso di sostanze acide.

►E’ un acido debole che va maneggiato con le dovute precauzioni, utilizzando i guanti ed evitando il contatto con gli occhi e le mucose.

Dove trovarlo

Potete trovare ed acquistare facilmente l’acido citrico in Parafarmacia, Farmacia, in erboristeria e nei negozi di prodotti naturali, in alcuni supermercati, in alcuni negozi di prodotti sfusi, oltre che online.

Potrebbero interessarti anche:

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*