Home » sana alimentazione » Bisfenolo A dove si trova e perchè è pericoloso: scegliere plastica BPA free

Bisfenolo A dove si trova e perchè è pericoloso: scegliere plastica BPA free

Il BPA o Bisfenolo A è un composto organico utilizzato nella produzione di plastiche ed additivi. Le plastiche ottenute con il BPA, come ad esempio il policarbonato o PC, sono molto resistenti e versatili perciò sono utilizzate per la produzione di molti oggetti ad uso quotidiano. Sono utilizzate ad esempio per:

  • Contenitori in plastica per alimenti. Sul fondo dei contenitori è riportato il codice di riciclaggio che identifica il materiale che compone l’oggetto. Le plastiche che potrebbero contenere BPA sono indicate dal numero 3 e 7. La classe 3, (PVC), e la classe 7 (policarbonato e resine epossidiche) provengono dal BPA, mentre le altre classi non vengono sottoposte a polimerizzazione con BPA.
  • Bottiglie in plastica. Le bottiglie in PET contenenti acqua minerale non sono tossiche, le bottiglie contenenti BPA sono in PC o Policarbonato, è una plastica spessa e resistente tipo quella di flaconi di shampoo o detersivi.
  • Biberon: solo le tettarelle in silicone non contengono BPA ma la plastica del biberon può contenerlo. Oggi sono ben 11 le aziende che hanno eliminato il bisfenolo nella produzione di biberon in plastica: Avent, Bébé Confort, Chicco, Medel (Mebby), Medela, Mister Baby, mOmma, Nuby, Nuk, SITAR Happy Bimbo, Tommee Tippee.
  • Lattine
  • Protesi odontoiatriche
  • Imballaggi
  • Stoviglie
  • Carta chimica degli scontrini

Tossicità del Bisfenolo A

Il problema legato alla presenza di BPA è a sua elevata tossicità. Nello specifico, pare che il bisfenolo A abbia affinità per i recettori di alcuni ormoni steroidei (estrogeni) e sia responsabile della compromissione dello sviluppo neurale. Non solo, il bisfenolo A risulta coinvolto nell’alterazione dello sviluppo sessuale del feto maschile, nella riduzione della fertilità dell’uomo, nelle complicazioni della mammella ed in quelle a carico della prostata. Nelle femmine, il bisfenolo A interferisce anche sui recettori cardiaci determinando il rilascio di calcio dal reticolo sarcoplasmatico con relativa aritmia cardiaca.
La EFSA (autorità europea per la sicurezza alimentare) ha fissato una dose massima giornaliera (TDI) bassissima, pari a 0,004 mg/kg di peso corporeo, rimanendo al di sotto della quale non c’è motivo di credere che l’utilizzo di bisfenolo A per la plastica e per i rivestimenti possa nuocere gravemente alla salute dei consumatori.

Ridurre contatto con BPA

Per ridurre l’assunzione di BPA possiamo prendere alcune precauzioni:

  • Utilizzare prodotti BPA free
  • Non utilizzare contenitori in policarbonato per scaldare gli alimenti
  • Controllare che i biberon e le stoviglie contenenti bpa siano integre, prive di graffi o abrasioni che facilitano il rilascio di bpa
  • Tetra Pak: acquistare bevande e alimenti confezionati in Tetra Pak rappresenta un’opzione sicura per chi desidera evitare la presenza di bisfenolo A nel packaging. Infatti, i contenitori in Tetra Pak, nonostante siano costituiti in parte da plastica, non contengono bisfenolo A. La percentuale di plastica di tali confezioni, pari a circa il 20%, è costituita interamente da polietilene e polipropilene, che, per loro composizione e in accordo con i fornitori di materie prime, non annoverano questa sostanza fra i costituenti.
  •  Borraccia: per evitare di portare con voi la classica bottigliette di plastica usa-e-getta in palestra, fuori casa e mentre fate sport, è consigliabile optare per una borraccia. Ma attenzione. Anche le borracce possono contenere bisfenolo A. Scegliete la giusta borracciaBpa Free, come la linea di borracce Ion 8
  • Giocattoli: cercate di scegliere il più possibile giocattoli sicuri per i vostri bambini. Siate certi della loro provenienza e fate attenzione alle possibili frodi, in modo che non contengano sostanze tossiche. Ricordate che esistono delle alternative ai giocattoli di plastica. Pensiamo ai giocattoli in legno, alle bambole di stoffa e ai giochi che potrete creare a mano con del semplice cartoncino.

Potrebbe interessarti anche:

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*