Home » bambini » Cameretta Montessoriana: 10 consigli per arredare ed organizzare gli spazi

Cameretta Montessoriana: 10 consigli per arredare ed organizzare gli spazi

In questo periodo sto realizzando la cameretta in stile Montessori per la mia bimba di 5 anni, perciò vorrei condividere con voi le indicazioni che ho trovato, i siti più belli e le soluzioni innovative che ho scoperto, unite alle scelte che ho fatto in base alle mie considerazioni e al mio gusto (ovviamente personale), sperando di darvi qualche idea interessante.

L’arredamento Montessori si basa sulla creazione di un ambiente a misura di bambino, cioè di un ambiente più comodo, più accessibile e che consenta al bambino di muoversi in totale libertà nel “suo spazio”. I diversi elementi di arredo devono rispettare le proporzioni del bambino per favorirne l’indipendenza e la sicurezza durante le attività. L’arredamento montessoriano è caratterizzato da linee semplici e da uno stile naturale che predilige materiali naturali come il legno. Tutto dovrebbe avere il proprio posto e l’ambiente dovrebbe essere pensato in modo da incoraggiare il bambino a mantenerlo pulito e ben organizzato.

Ecco 10 consigli per arredare la cameretta in stile Montessori:

1 – LETTO
Evitate i letti con le sbarre che costringono il bambino ad essere dipendente da un adulto per muoversi. Scegliete lettini bassi (altezza non superiore a 20/25 cm) a prova di caduta e che consentano al bambino di salire e scendere in totale autonomia. Io personalmente sono contraria ai soppalchi e ai letti rialzati, anche se sussistono problemi di spazio.

Esistono soluzioni apposite in negozi montessoriani specializzati, ma sono parecchio costose. Le soluzioni fai da te, tipo l’utilizzo di pallet come base letto o appoggiare il materasso a terra su un tappeto sono molto creative, ma personalmente ritengo che reti e materasso debbano essere specifici (con doghe in legno e materassi ortopedici) per evitare problemi alla schiena e permettere un corretto riposo del bambino. Da ikea si trovano lettini idonei a prezzi convenienti, ma potete anche far tagliare le gambe di un letto tradizionale per abbassarlo, come abbiamo fatto noi. In futuro cambieremo i piedi del letto evitando di doverlo acquistare nuovo. Qualora i mobili scelti non siano in legno grezzo ma pitturati, è importante verificare che le vernici utilizzate siano atossiche e sicure per i bimbi.

2 – COMODINO

Ho faticato parecchio a trovare un comodino adatto alla cameretta di mia figlia. L’ideale è un comodino basso, adatto all’altezza del letto, e con spigoli e bordi smussati ed arrotondati. Mi ero innamorata del comodino “cerbiatto” trovato sul sito online www.anacletokids.it,  ma era troppo caro e troppo grande per lo spazio a mia disposizione. Alla fine ho optato per un comodino homcom trovato su amazon, con bordi smussati, un cassetto e l’altezza giusta per il nostro lettino.

3 – ARMADIO
L’ideale è che i bambini possano vestirsi in autonomia. In commercio ci sono molti armadi bassi che soddisfano lo scopo, come quelli ikea. In alternativa potete optare per un armadio tradizionale e dotare la stanza di uno stand aperto o di una cassettiera ad altezza bambini che vi permetterà di inserire, di volta in volta, una parte degli abiti tra i quali il bambino dovrà scegliere, senza rinunciare ad un armadio grande che non dovrà essere sostituito in futuro.

 4 – LIBRERIA FRONTALE
I bambini devono avere libero accesso ai libri, i quali vanno scelti in base all’età. L’ideale è dotare la stanza di una libreria frontale (come labele scaffale basso) o di mensole frontali che permettano al bambino di riconoscere le copertine anche quando non sa leggere. Se lo spazio non lo consente, come nel nostro caso, si possono scegliere cesti o cassette in plastica o legno da terra, ( tipo Lomos contenitore), dove sistemare i libri a portata di bambino, comodi e facili da riordinare.

5 – TAPPETO
Ai bambini piace giocare per terra, perciò inseriamo in cameretta un tappeto su cui giocare anche scalzi. Per i più piccoli potete scegliere un tappeto sensoriale o i classici tappeti ad incastro in gomma, più facili da pulire e isolanti per il freddo. Se si opta per un tappeto classico meglio a pelo corto e lavabile in lavatrice.

6 – TAVOLINO
Tavolo e sedia devono essere adatti all’età e all’altezza del bambino. E’ importante che i bambini siano seduti comodi, e anche in modo sicuro, senza rischiare cadute o problemi alla schiena. Tavolino e sedia devono avere spigoli arrotondati per evitare traumi durante le varie attività e l’altezza deve essere adeguata alla sua statura. Sono perfetti i tavolini ikea e la scrivania della serie flisat con altezza e pendenza regolabile che segue la crescita del bambino. Noi abbiamo scelto sin da quando era piccolissima il tavolo e le sedie della serie mammut, ma li sostituiremo presto con la scrivania flisat.

7 – SCAFFALI PER I GIOCHI
I giochi devono essere sempre a portata di mano in modo che possa raggiungerli senza chiedere aiuto a un adulto. L’ideale è avere mobili bassi, capienti e solidi con cui possano facilmente raggiungere le proprie cose, in perfetta autonomia. Le librerie e i mobili pesanti vanno sempre fissati al muro con gli adeguati tasselli, per evitare ribaltamenti. I giochi dovrebbero avere un loro posto all’interno della camera per mantenere un certo ordine e un ambiente confortevole. Quelli con molti pezzi (come i mattoncini delle costruzioni) vanno riposti in appositi contenitori che possono essere scatole con coperchio, cestini o sacchi.(come labele scatole impilabili).

 8 – SPECCHIO
Inserire uno specchio infrangibile nella cameretta sarà molto utile affinché il bambino possa guardarsi ed essere cosciente della propria immagine. Per mancanza di spazio noi non lo abbiamo inserito. 

9 – ATTACCAPANNI
Se non lo predisponete all’ingresso, mettere un attaccapanni ad altezza bambino nella loro camera. Sarà utile per appendere la giacca e gli zainetti. Predisponiamo anche un cesto della biancheria in modo che, la sera, i bambini si abituino a svestirsi suddividendo i vestiti tra quelli sporchi e quelli da tenere in ordine per il giorno seguente.

10 – PITTURA E DECORAZIONI
La stanza dovrebbe avere colori neutri o tenui, come azzurrini o rosa o verdini chiari o anche combinazioni di bianco e grigio, che insieme risultano contemporaneamente luminosi, ma calmanti. Si può optare per una cameretta con le pareti bianche e una parete con la pittura lavagna, molto divertente per i bimbi, lasciando un pizzico di colore a cuscini, tende e coperte. Le decorazioni stimolano la creatività e la capacità di osservazione dei più piccoli. Quadri, fotografie, lavagne e stickers  devono essere collocati sempre ad altezza di bambino per poterli osservare autonomamente. Posizionate una bacheca dove il bambino può appendere da solo i suoi disegni e lavori: la adorerà.

Cosa NON dovrebbe essere presente nella camera montessoriana

Come ultimo suggerimento eliminate tutti gli oggetti che possono risultare pericolosi e che non sono adatti ad una cameretta. Non dovrebbe esserci nulla che il bambino non possa usare, toccare, manipolare in sicurezza e senza impedimenti. Niente televisione e giochi troppo rumorosi.

Se state ristrutturando la cameretta, predisponete gli interruttori della luce ad un’altezza raggiungibile comodamente dal bambino. Evitare l’eccessiva presenza di tende, tappeti e tessuti che tendono a impolverarsi.

Potrebbero interessarti anche:

Print Friendly, PDF & Email

2 Responses for Cameretta Montessoriana: 10 consigli per arredare ed organizzare gli spazi

  1. Antonia ha detto:

    Noi eravamo anche molto preoccupati sul tema delle emissioni tossiche di colle e vernici, una cosa di cui si parla troppo poco; per fare la nostra cameretta montessoriana, abbiamo cercato come matti i prodotti piu sani ed ecologici, e alla fine l’unica azienda che ci ha realmemte convinto è Woodly. Fanno dei lettini fantastici, realmente sani.

    • Naturalmente ha detto:

      Salve,
      siamo pienamente concordi su questo punto. Le ditte che si occupano di mobili montessoriani propongono materiali e vernici ottimi, ma i costi sono davvero alti e sicuramente non alla portata di tutti. Ma anche nello scegliere mobili nei mobilifici tradizionali o all’ikea è bene preferire quelli trattati con vernici atossiche, più sicuri per i nostri bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*