Home » salute » Come scegliere il termometro giusto

Come scegliere il termometro giusto

Il termometro è lo strumento utilizzato per misurare la temperatura corporea. Prima di acquistarlo è importante conoscere le differenti tipologie esistenti in commercio e per cosa si contraddistinguono. Ogni tipologia ha un grado diverso di accuratezza e una zona di utilizzo specifica, dunque la scelta d’acquisto più idonea dipenderà dalle vostre esigenze personali. Di seguito elencheremo le varie tipologie di termometro esistenti e analizzeremo in dettaglio le loro caratteristiche.

Tipi di termometro

Il termometro di vetro è tra i più precisi ed affidabili. Simile all’antenato al mercurio, vietato dal 2009, contiene al suo interno una lega di metalli – gallio, indio e stagno – chiamata Galinstano, meno inquinante e per niente tossica. Questo termometro è semplice da usare, inoltre non funziona con le batterie, quindi non si scarica. Può essere usato per misurare la temperatura corporea a livello rettale, orale o ascellare, ma non auricolare. Lo svantaggio consiste nel fatto che essendo in vetro è più fragile. La misurazione è più lenta: per rilevarla ci vogliono circa tre minuti.

I termometri digitali. Solitamente realizzati in plastica, si avvalgono di un display su cui viene visualizzata la temperatura misurata. Questa tipologia è molto facile da usare: basta premere un pulsante e la misurazione viene effettuata automaticamente. Il tempo di rilevazione può arrivare fino ad un massimo di 3 minuti, e solitamente un breve segnale acustico avverte quando è terminata la misurazione. I termometri digitali, a seconda del tipo, possono essere utilizzati su fronte, bocca, ascella e retto (in questo caso devono avere la punta flessibile).Questa tipologia, inoltre, può offrire una serie di modalità in più rispetto alle altre, come ad esempio la funzione memoria. Tuttavia, a differenza dei termometri in vetro, questo tipo di termometro è leggermente più costoso ed è alimentato a batterie. Per essere completamente sicuri dell’affidabilità dei risultati, consigliamo di controllare sulla confezione che il grado di precisione superi i 0,1 °C. Più alto è il livello di precisione più alto sarà, di conseguenza, il prezzo.

I termometri ad infrarossi misurano il calore generato dalle superfici e dalle cavità. Il vantaggio principale è la loro velocità: bastano pochi secondi per misurare la temperatura. Di contro, hanno un costo superiore rispetto a tutti gli altri modelli e hanno bisogno di alcuni accorgimenti perché la misurazione sia attendibile. Ne esistono di tre tipi: auricolari, frontali o a distanza.

1) Termometri auricolari a infrarossi misurano il calore emesso dal timpano e dai tessuti circostanti. Fra i vantaggi si possono elencare la rapidità (due secondi circa), la facilità d’uso, l’innocuità e l’accettabilità da parte del paziente, ma, per contro, vanno impiegati con molta cautela, soprattutto nei bambini piccoli: se non utilizzati correttamente possono infatti determinare letture errate (anche di qualche grado). Proprio per la scarsa affidabilità, questi termometri non risultano raccomandabili. Tra i termometri auricolari più raccomandati dai medici troviamo il Braun ThermoScan®.

2) Termometri frontali a infrarossi misurano la temperatura sulla fronte in modo delicato. I termometri frontali misurano l’energia infrarossa emessa dalla pelle sopra la zona delle sopracciglia e dai tessuti circostanti. Questa energia viene raccolta attraverso la lente e convertita in un valore di temperatura. La precisione del termometro dipende dal tipo di tecnologia utilizzata. I termometri frontali possono misurare la temperatura a contatto con la fronte(es. Thermocontact, Termotouch)  oppure a distanza (es. Thermofocus). Questi strumenti presentano un grado di precisione paragonabile ai termometri elettronici e, come quelli auricolari, sono rapidi nella rilevazione, semplici da usare e bene accetti dai piccoli pazienti. Anche per questi è necessario attenersi alle istruzioni d’uso.

Il termometro Braun No touch + frontale è il primo e unico termometro che consente di misurare la temperatura sia in modalità touch che no touch con un’accuratezza testata clinicamente.

I termometri a striscia reattiva:  sono una sorta di bandana a cristalli liquidi colorati che devi applicare sulla fronte: nel giro di tre secondi cambia colore in funzione della temperatura e ti consente di misurarla. Sono quindi facili da usare ma non sono così accurati come i digitali.

I termometri Bluetooth. Nuova linea di termometri collegati ad applicazioni su cellulare tramite bluetooth. Ecco due esempi:

  • SimplyTemp24 è un dispositivo sottile che, applicato sulla pelle tramite un cerotto, consente di rilevare e monitorare la temperatura corporea in modo preciso e costante. Grazie ad un innovativo sistema, misura e trasmette le fluttuazioni della temperatura direttamente a dispositivi mobili, segnalando con allarmi gli innalzamenti o abbassamenti in tempo reale. Grazie all’app dedicata (App Store o Google Play Store) è possibile monitorare costantemente l’andamento della temperatura 24 ore su 24. Simply Temp 24 Termometro Bluetooth è un apparecchio compatto, leggero, in materiale atossico ed anallergico Possiede un sensore di temperatura integrato che assicura lo stesso livello di precisione dei vecchi termometri al mercurio; permette la rilevazione della febbre ogni 3 secondi con un range di errore ridotto al minimo (+/- 0,05°C tra 35°C-38,5°C). E’ 100% waterproof ed è indicato anche per verificare la temperatura dell’acqua del bagnetto. Lo trovi qui’

  • Termometro Bluetooth Temp Sitter di Gima, si applica con patch adesivi nella zona in cui desideriamo porre il termometro sul corpo del bambino in modo tale che non dia fastidio; il funzionamento del termometro è semplicissimo grazie alla pratica applicazione gratuita che possiamo scaricare sia ios che per android.  Il termometro ha una batteria integrata che dura circa tre anni prima di esaurirsi; è anche resistente all’acqua al 100%;  la temperatura rilevata va dai 25°C ai 45°C ed ha un prezzo di circa 50€.

Dove misurare la temperatura

Di seguito analizzeremo ciascuna area di misurazione nel dettaglio:

Auricolare: il metodo di misurazione nell’orecchio è poco invasivo e molto rapido, quindi particolarmente indicato per i bambini. L’unica tipologia che permette di misurare la temperatura in quest’area è quella a infrarossi. Lo svantaggio è che la rilevazione non è accurata se non si utilizza il termometro nella maniera corretta. In generale, quando si sceglie un termometro auricolare bisogna fare attenzione ad effettuare la misurazione sempre nello stesso orecchio, evitare l’utilizzo in un orecchio dove sono state inserite prima gocce o altri medicamenti e, infine, assicurarsi che sia stato precedentemente rimosso il cerume. Alcuni fattori esterni possono influire sulla temperatura auricolare, in particolare se la persona è stata sdraiata su un orecchio o aveva le orecchie coperte, se la persona è stata esposta a temperature molto calde o molto fredde, se è stata di recente a nuotare o a fare il bagno. In questi casi, è necessario eliminare questi fattori esterni e attendere 30 minuti prima di misurare la temperatura.

Ascellare: posizionare il termometro sotto il cavo ascellare è il metodo più tradizionale e accurato, ed in quest’area è possibile utilizzare sia la tipologia in vetro che quella digitale. Tale metodo è poco invasivo e molto semplice, perché basta fare attenzione a posizionare il termometro parallelo al corpo e perpendicolare al cavo ascellare. È inoltre importante prendere in considerazione che la temperatura può variare dall’ascella destra a quella sinistra ed è consigliabile, quindi, misurare la temperatura sempre dallo stesso lato;

Rettale: questo metodo, considerato il “gold standard” dai medici, è quello più invasivo, ma anche il più accurato. È particolarmente indicato per i neonati, in quanto fornisce una lettura precisa della temperatura interna; Ecco come fare:

  • Sdraiare il bambino sulla pancia o sulla schiena su una superficie comoda, stabile e piana, per es., sulle vostre ginocchia, sul fasciatoio, sul divano o anche a terra.
  • Se il bambino è sdraiato sulla schiena, tenergli sollevate le gambe, come se si volesse cambiargli il pannolino. Se invece è a pancia in giù, sistemarlo in modo che i glutei siano leggermente sollevati ripiegando le ginocchia sotto il corpo o facendogli penzolare le gambe tenendolo sulle ginocchia.
  • Spalmare una piccola quantità di gel lubrificante sul bulbo del termometro.
  • Inserire delicatamente la punta del termometro nel retto (ano) facendo penetrare tutta la punta metallica (circa un centimetro).

Orale: per la misurazione orale della temperatura, generalmente raccomandata per i bambini che riescono già a tenere facilmente il termometro in bocca, si può far ricorso ai termometri digitali e in vetro. La misurazione è molto facile e rapida, ecco come fare:

  • Accertarsi che il bambino non abbia bevuto bevande calde o fredde negli ultimi 30 minuti e che resti seduto tranquillo per tutta la misurazione.
  • Posizionare delicatamente la punta del termometro sotto la lingua, lateralmente e verso la parte posteriore della bocca.
  • Spiegare al bambino di tenere saldamente il termometro con le labbra e le mani. Se si usa un termometro digitale, che è più resistente di quello di vetro, il bambino può mordere il termometro per tenerlo fermo. Le prime volte probabilmente dovrete aiutarlo nell’operazione.
  • La punta del termometro non deve essere esposta al flusso d’aria durante la respirazione perché l’evaporazione raffredda il sensore. -Meglio quindi far respirare il bambino con il naso.

Frontale: La misurazione della temperatura frontale è un metodo delicato. I termometri frontali misurano l’energia infrarossa emessa dalla pelle sopra la zona delle sopracciglia e dai tessuti circostanti. Questa energia viene raccolta attraverso la lente e convertita in un valore di temperatura.

In commercio sono disponibili diversi tipi di termometri frontali. Per garantire misurazioni precise è importante misurare la temperatura esattamente come indicato nel manuale di istruzioni. Ad esempio riportiamo le indicazioni di due diversi termometri frontali ad infrarossi:

1)Misurare la temperatura corporea con il termometro Braun No touch + frontale:

  • Prima di effettuare una misurazione, pulire la fronte e spostare i capelli.
  • In modalità touch posizionare il termometro sulla fronte tra le sopracciglia oppure in modalità no touch tenerlo a 5 cm di distanza dalla fronte; il sensore di prossimità e la luce di orientamento vi guideranno nel posizionamento corretto. Per i pazienti che si misurano da soli la temperatura, si raccomanda di usare l’opzione touch (a contatto con la fronte) rispetto a quella no touch (a distanza).
  • Eseguire la misurazione.
  • L’indicatore della febbre con codice colore aiuta a interpretare il valore misurato.

NOTA: il paziente deve essere da 30 minuti in un ambiente chiuso prima di eseguire la misurazione. Il paziente e il termometro devono essere alla stessa temperatura ambiente da almeno 10 minuti.

2) ThermoEasy, di pic, è un termometro frontale a infrarossi per misurare la febbre a contatto. Semplice e intuitivo, progettato secondo la “filosofia DLS”. Basta appoggiare il sensore sulla tempia , premere il tasto e in soli 5 secondi ThermoEasy ti comunicherà la temperatura esatta. Per un corretto utilizzo:

  • Non misurare la temperatura con ThermoEasy subito dopo mangiato, se hai fatto sport o sei appena uscito dalla doccia.
  • Tieni il termometro nella stessa stanza in cui misurerai la temperatura per almeno 20/25 minuti prima di iniziare. Tu stesso – o chi misurerà la febbre – dovrà essere proprio in quella stanza da almeno 5 minuti.
  • Hai finito la prima misurazione? Per effettuare la seconda, aspetta almeno 5 minuti.
  • Non tenere troppo in mano il termometro prima di usarlo: il sensore si scalda e potrebbe rilevare valori errati.

Devi sapere che la temperatura che leggerai sul display è la stessa di quella rilevata per via orale.

Fonte: Ipsos, studio online condotto tra 802 medici di base (GP) e pediatri in quattro mercati europei (Germania, Regno Unito, Francia, Paesi Bassi, n=200 ognuno), maggio-giugno 2012, https://www.brauntherms.com

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*