Home » salute » Come scegliere la giusta scarpa da running 

Come scegliere la giusta scarpa da running 

Sapevate che non tutte le scarpe da running sono uguali? La scelta della giusta scarpa da running richiede un’accurata conoscenza dei modelli e delle tipologie disponibili in commercio. Ovviamente il metodo migliore per la scelta della giusta scarpa è quello di rivolgersi ad un negozio specializzato con personale qualificato per dare consigli ed aiutare nella scelta. Perchè la questione non è semplice, dipende dai tuoi piedi, ma anche dal tuo peso, se sei uomo o donna, se intendi correre oppure camminare. Sulla scelta incidono maggiormente 5 parametri:

1)La forma del piede

Ogni piede ha una forma diversa: la pianta del piede può essere larga o stretta ed esistono modelli con piante diverse. Per scegliere la scarpa più adatta alla forma del piede la cosa migliore è quella di provarla. Dal momento che camminarci è un conto, ma correrci è un altro, molti negozi specializzati hanno tapis roulant sui quali testarle. Il modello giusto deve risultare comodo e confortevole durante la corsa.

2)Il tipo di appoggio del piede

La pronazione è la tendenza del piede a ruotare verso l’interno camminando o correndo. Quando acquisti un qualunque tipo di scarpa sportiva, devi per prima cosa conoscere il tuo livello di pronazione. Ciascuna scarpa sul mercato è adatta a un tipo diverso di pronazione.

Puoi scoprire il tuo tipo di pronazione sottoponendoti a un’analisi dello stile di corsa, eseguita da un esperto.  Esistono 3 tipi di appoggio del piede:

▶ Se l’arco del piede è normale (figura A) si ha una pronazione neutra o normale e si può indossare qualsiasi scarpa.

▶ Se i piedi sono piatti sei un iperpronatore  (figura B) ovvero il tuo piede collassa eccessivamente verso l’interno. in questo caso hai bisogno di una scarpa che corregga il tuo stile di corsa aggiungendo ammortizzazione e sostegno per tutto il tempo. Nei Soggetti Iperpronatori le scarpe si consumano maggiormente nel lato interno.

▶ L’ arco del piede è alto nei soggetti Supinatori o Ipopronatori (figura C) . In questo caso quando il tallone è a terra l’arco mediale viene sollevato dal suolo e le scarpe si consumano maggiormente nel lato esterno. Gli ipopronatori necessitano di scarpe con maggior ammortizzazione, ma senza ulteriore sostegno.

3)Peso

Quando corri il peso scaricato sui tuoi piedi può raggiungere 3/4 volte il tuo peso da fermo. Ecco perché è importante usare scarpe ammortizzate  in modo da proteggerli. Più sei leggero e allenato meno ammortizzate possono essere le tue scarpe. Meno sei allenato e pesante, più dovranno essere protettive e ammortizzate.

4)Grado di allenamento

Se non hai mai corso o ti alleni poco spesso la scarpa ha la funzione di proteggerti dai traumi causati dal carico straordinario cui stai sottoponendo il tuo fisico: hai bisogno di proteggere i piedi  e le articolazioni moderando l’impatto al suolo. Ti serve una scarpa ben ammortizzata (tradotto: A3 o A4, cioè protettive/neutre e stabili, o con correzione per la pronazione).
Se sei ben allenato (corri almeno 2/3 volte alla settimana per almeno 20-25 km in totale) puoi scegliere scarpe più leggere e meno ammortizzate

5)Tipo di Utilizzo

Se sei velocista, corri spesso e sei leggero scegli scarpe leggere e con poca ammortizzazione. Se corri molto e su lunghe distanze scegli scarpe che ti supportino e non carichino troppo il piede.

Ma questi sono solo alcuni dei parametri da considerare!

Categorie di scarpe da running

Per rispondere a tutte queste variabili, esistono diverse tipologie di scarpe da running, suddivise in categorie. Indipendentemente dalla marca, due scarpe appartenenti alla stessa categoria presentano quindi caratteristiche simili, che le rendono adatte ad una particolare utenza. Ovviamente, all’interno della stessa categoria esistono comunque differenze tra i vari modelli ed una scarpa può quindi risultare più o meno indicata in base a fattori individuali come la morfologia e l’appoggio del piede.

Vediamo nel dettaglio queste categorie di scarpe da running:

A0 = minimaliste
A1 = superleggere
A2 = intermedie
A3 = massimo ammortizzamento (neutre)
A4 = stabili
A5 = trial running (corsa in natura)

• Minimaliste A0
Scarpe estremamente leggere, generalmente pesano dai 150/300 gr e sono progettate per favorire il movimento naturale delle articolazioni del piede. Garantiscono una posizione biomeccanica ottimale del piede e contribuiscono a correggere alcuni problemi di postura. La scarpa da running minimalista punta sul comfort della scarpa per riprodurre efficacemente la sensazione di “camminare a piedi nudi” o con il minimo supporto necessario. le A0 si basano maggiormente sulla cinetica del piede e NON sulla sollecitazione indotta dalla corsa di fondo.
• Superleggere A1
Pesano meno di 250 gr. e sono indicate per gare e allenamenti a ritmo sostenuto grazie alle doti di flessibilità e ritorno elastico. Consigliate a runner veloci e leggeri senza problemi di appoggio.
• Intermedie A2
Modelli di peso compreso tra 240 e 295 gr. che garantiscono in generale un buon livello di ammortizzamento. Utilizzabili in allenamenti veloci o in gare dal ritmo moderato, possono presentare tecnologie tali da poter compensare i grossi difetti di appoggio: di punta o di tallone, e in pronazione o in supinazione.
• Massimo ammortizzamento A3
Calzature dal peso che supera i 300 gr. in grado di offrire il massimo comfort grazie all’elevato potere ammortizzante. Molto diffuse come scarpe da allenamento, sono normalmente utilizzate da runner con appoggio neutro o supinato o da chi usa plantari personalizzati. I modelli di massimo ammortizzo sono adatti a tutti,anche ai principianti, e rappresentano una categoria di calzature tra le più indossate nel pubblico giovanile nella vita quotidiana. le A3 non sono utili alla risoluzione dei problemi di appoggio e sono destinate a soggetti dalla corsa regolare che necessitano un grande potere ammortizzante.
• Stabili A4
Scarpe create appositamente per correggere i problemi di eccessiva pronazione, pesano generalmente oltre i 300 gr. e garantiscono ottime doti di sostegno, protezione e stabilità. Consigliate per pronatori e atleti pesanti.

Con queste indicazioni vorremmo dare un’idea delle tante variabili che incidono sulla scelta della giusta scarpa per il running, il walking, o per la vostro corso in palestra. Come già anticipato rivolgersi ad un negozio con personale specializzato è la cosa migliore, ma nel caso non sia possibile speriamo che queste informazioni possano aiutarvi nella scelta delle tante proposte che si trovano nei negozi oppure online.

Buona corsa a tutti!

 

(Fonti www.my-personaltrainer.it,  www.maxisport.com, www.adidas.it)

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*