Home » oli essenziali » Come si usano gli oli essenziali

Come si usano gli oli essenziali

Gli oli essenziali sono sostanze molto concentrate, ricche di principi attivi in grado di superare la barriera protettiva della pelle e penetrare nell’organismo, quindi vanno sempre usati con cautela e seguendo alcuni accorgimenti: è opportuno diluire gli oli essenziali prima di applicarli sulla pelle, vanno utilizzati in dosi molto ridotte (poche gocce per volta) e bisogna prestare attenzione alle controindicazioni, in particolare alla fotosensibilizzazioni di alcuni di essi.
Gli oli essenziali si possono utilizzare in diversi modi:

1-Applicazioni cutanee e massaggi: il massaggio è il metodo che consente la migliore assimilazione degli oli essenziali. Dal momento che gli oli essenziali sono molto concentrati, non devono mai essere applicati sulla pelle puri ma devono prima essere diluiti in un olio vegetale, chiamato olio vettore, per ottenere una miscela che non irrita la cute e migliora l’assorbimento. Gli oli vettore più indicati sono l’olio di mandorle dolci e l’olio di jojoba perché sono neutri e stabili.

2-Applicazioni localizzate: in rari casi alcuni oli essenziali, come quello di lavanda, possono essere usati per impregnare una garzina ed applicati direttamente sulla pelle per brevi periodi, come nel caso di punture di insetti, herpes labiale e verruche.

3-Aromacosmesi: si possono utilizzare gli oli essenziali per migliorare l’aspetto estetico del corpo e preservarne contemporaneamente la salute. Possiamo aggiungerli in un vasetto di crema neutra, allo shampoo abituale o nel bagno doccia neutro. Esistono anche apposite soluzioni che permettono di disperdere in acqua gli oli essenziali che altrimenti sarebbero insolubili, così potremo aggiungerli nell’acqua della vasca.

4-Pediluvio: Possiamo versare 7-8 gocce di olio essenziale nell’acqua del pediluvio non troppo calda, insieme a Sali del mar morto o poco detergente neutro. Il pediluvio è utile per le varici e problemi di gambe e piedi stanchi.

5-Aromaterapia: Gli oli essenziali possono essere inalati, in questo caso hanno una doppia azione: l’aroma naturale stimola il cervello a scatenare una reazione e i principi attivi inalati nei polmoni sono in grado di fornire un beneficio terapeutico.

  • Inalazione semplice: mettere 3-4 gocce di olio essenziale su un fazzoletto. Posizionare il tessuto vicino al vostro naso e inalate. Quando si prova un olio per la prima volta, utilizzare solo una goccia per assicurarvi di non essere allergici all’olio.
  • Inalazione del vapore si versano gli oli essenziali in un vaporizzatore o in una pentola di acqua bollente da cui, avvicinando il viso, si aspira il vapore per 4 o 5 minuti, possibilmente con un asciugamano sulla testa per evitarne la dispersione.
  • Diffusore: mettere 6-7 gocce di olio essenziale nell’acqua del diffusore per ambiente ed accendere la candelina nella parte inferiore. L’olio volatile evaporerà nell’aria creando un piacevole aroma nell’ambiente circostante.

6-Via orale: Gli oli essenziali possono essere assunti per via orale disperdendone 1 o 2 gocce in una zolletta di zucchero oppure in un cucchiaino di miele.

Gli oli essenziali hanno molteplici proprietà, esiste praticamente un olio essenziale per ogni necessità, allora sfruttiamo la natura per mantenere il nostro benessere fisico e mentale!

Alla prossima!

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*