Home » Casa e Pulizie Domestiche » Creare un kit per la pulizia della casa

Creare un kit per la pulizia della casa

Per facilitare una pulizia rapida ed efficace della casa può essere utile creare un kit per la pulizia. Creare un kit permette di avere a disposizione tutto il necessario in modo ordinato, risparmiando tempo per prendere ogni volta ciò che occorre, spazio per riporre i prodotti e anche denaro, perché si acquista solo il materiale necessario evitando di accumulare il superfluo.

Ecco i componenti essenziali di un kit di pulizia:

1) Scegli un contenitore per i prodotti. Deve essere capiente e facilmente trasportabile, dotato di un manico e dell’altezza giusta per essere riposto nell’apposito mobile. Anche un secchio con manico è perfetto, meglio se rettangolare, per sfruttare meglio lo spazio, come il secchio Joseph Joseph Clean&Store o il secchio  Leifheit COMBI BOX, entrambi 2 in 1, portadetergenti e secchio dove mettere l’acqua per le pulizie, comodi e compatti. 

2) Guanti, fondamentali per proteggere le mani dai prodotti per la pulizia. Devono essere comodi e della giusta misura perchè se sono grandi rendono le pulizie molto faticose. Meglio utilizzare un paio di guanti per la pulizia della cucina e delle stoviglie e uno per il resto della casa. Anche se si utilizzano prodotti eco bio o detergenti autoprodotti, i guanti sono sempre necessari.

3) Panni in microfibra, in grande quantità e di diversi colori. Si può assegnare un colore alla cucina, uno ai vetri e uno ai bagni, ad esempio.  Una volta sporchi basta lavarli in lavatrice e sono riutilizzabili infinite volte. Prima di utilizzarli la prima volta è bene lavarli in lavatrice così eviteranno di lasciare pelucchi, per il resto sono fantastici, sia per lavare al posto delle spugne, solo bagnati con acqua calda e strizzati oppure con i detergenti, sia per asciugare al posto del panno carta.La scorta di panni in microfibra amazon basic permette di avere una scorta utilissima ad un prezzo bassissimo.

4) Spugne. Meglio scegliere spugne di diverso colore così da separare quelle del bagno da quelle per il resto delle pulizie. Nel kit consiglio due tipi di spugne: una spugna compatta tipo spontex doppio uso, perché a differenza di quelle più morbide si sciacqua facilmente risparmiando acqua ed è più resistente. Va bene per sfregare anche lo sporco più difficile e si strizza facilmente. Come seconda spugna  si può usare un panno in microfibra o i panni spugna. Utili per i vetri, gli specchi e il risciacquo finale dei sanitari perchè super assorbenti e lasciano quasi asciutto al loro passaggio. Da usare solo con acqua perchè fanno molta schiuma con il sapone e richiedono molta acqua per pulirle.

5)  Un vecchio spazzolino da denti,  utilissimo per pulire piccole incrostazioni, fughe e altro. Esistono anche spazzoline dedicate se gli spazzolini da denti sono troppo morbidi o rovinati.

6) Un tergivetri, indispensabile per specchi, finestre e vetri della doccia. Meglio se dotato di gomma morbida e leggero per non stancare la mano. Alcuni sono dotati di gancio per lasciarli appesi nella doccia, ma l’importante è che siano in acciaio così non arrugginiscono, come Sel Natural Lavavetro.

7) Detergenti per la pulizia. Gli indispensabili sono:

  • Un anticalcare, viakal oppure soluzione di acido citrico fatta in casa. Si utilizza per tutti i sanitari, il lavello della cucina, il vetro della doccia e la vasca.
  • Un disinfettante per i sanitari da passare su bidet e wc
  • Un disincrostante per il wc oppure soluzione di acido citrico fatta in casa
  • Uno sgrassatore per la cucina
  • Un sapone per i pavimenti

8) Aspirapolvere o scopa elettrica. Io consiglio Dyson per entrambe. L’aspirapolvere pulisce meglio ed è adatta alle pulizie a fondo della casa, la scopa, come Dyson V8,  è per le pulizie quotidiane o al volo, per le scale e gli spazi stretti, per l’auto i divani e le tappezzerie, soprattutto per le pulizie quotidiane di tappeti e pavimenti della cucina.

9) Straccio per il pavimento. Il famoso mocio vileda è uno straccio da pulizie quotidiane perchè semplice da usare, svuotare e pulire e non spezza la schiena. Ovviamente il classico straccio in microfibra con mazza pulisce molto meglio. Interessante il mop con 2 scomparti, per usare sempre acqua pulita separandola dalla sporca oppure il mop rotante che strizza lo straccio per non farlo gocciolare, schiacciando un pedale o premendo il bastone.  Ad esempio Leifheit Clean Twist.

Sul web si trovano molteplici idee su come comporre il kit di pulizia poichè ognuno ha le proprie esigenze e preferenze, questo kit si basa sulla mia esperienza e inserisco anche i link per trovare i prodotti, o eventualmente acquistarli, direttamente su amazon che dispone di un’ampia scelta.

Per quanto riguarda i detergenti per le pulizie della casa meglio scegliere quelli eco bio, magari scegliendoli sfusi o alla spina,  oppure produrli da soli utilizzando pochi semplici ingredienti, così da risparmiare ulteriormente spazio e soldi e per rispettare l’ambiente.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*