Home » salute » Difendersi dalla zanzara tigre

Difendersi dalla zanzara tigre

Con l’arrivo del caldo si accentua il problema delle zanzare ed ecco che per sfuggire al loro vorace appetito si ricorrere ai più svariati espedienti. Le zanzare tigre non sono solo responsabili di fastidiose punture, gonfiori e  prurito, ma possono essere anche vettori di pericolose malattie, per questo vanno combattute assiduamente. Vediamo quali misure si possono attuare per difendersi da questi molesti insetti:

►Per prima cosa bisogna affrontare il problema all’origine, eliminando i luoghi di deposizione delle uova, che non sono mai lontani da dove le persone vengono punte poiché la zanzara tigre ha un limitato raggio d’azione (meno di 200 metri). Per questo è indispensabile trattare regolarmente (ogni 15 gg circa) i tombini e tutte le zone di scolo e ristagno d’acqua con prodotti larvicidi.

►Si può ricorrere alla lotta biologica utilizzando predatori naturali, i pipistrelli, ed istallando in giardino o sul balcone una batbox. Le batbox sono piccole casette di legno da utilizzare per offrire nuovi rifugi a questi efficienti predatori di zanzare. Le batbox sono studiate per attrarre proprio i pipistrelli che frequentano gli ambienti urbanizzati, e possono essere appese agli alberi del proprio giardino o alla parete esterna della casa, meglio se al riparo sotto la grondaia del tetto. Se i rifugi saranno colonizzati avremo per alleato un formidabile cacciatore di insetti. Scarica il depliant informativo “Un pipistrello per amico”:

►Si possono utilizzare repellenti da applicare direttamente sulla pelle, disponibili in varie forme: creme, salviettine imbevute, spray,stick e braccialetti per il polso. Meglio optare per repellenti a base di principi attivi naturali, come ad esempio il geraniolo o la citronella. I fattori di richiamo per una zanzara sono tre : l’odore, il sudore e la  temperatura del corpo. L’odore di geraniolo e citronella infastidisce molto le zanzare, allontanandole.

► Il Ledum palustre, da applicare sulla pelle o da assumere per via orale, è un ottimo rimedio naturale per difendersi da questi predatori. L’assunzione orale di Ledum Palustre rende l’odore del proprio sudore sgradevole ai sensibili recettori delle zanzare, rendendolo un repellente naturale.

► Per combattere le zanzare all’interno delle abitazioni è d’obbligo l’installazione di zanzariere su tutte le finestre di casa. Per proteggere i più piccoli, inoltre, è consigliabile il posizionamento di zanzariere direttamente sulla culla o sul lettino.

►Per i bambini sono disponibili apparecchi ad ultrasuoni, dispositivi elettronici in grado di produrre ultrasuoni a frequenze impercettibili per l’orecchio umano, ma alle quali le zanzare sono sensibili. Si tratta di dispositivi efficaci solo in un ristretto raggio d’azione, ideali da attaccare ai passeggini o da mettere vicino a culle e lettini.

► All’interno delle abitazioni possiamo optare per dispositivi che determinano il rilascio nell’aria di sostanze chimiche ad azione repellente, come ad esempio i diffusori elettrici (con piastrine o gel), mentre all’esterno sui terrazzi e nei giardini si possono utilizzare gli zampironi (spirali repellenti) a combustione, le candele con estratti di oli essenziali (citronella, limone, geranio) e gli spray insetticidi. Tutti questi sistemi sono però sconsigliabili in presenza di bambini, poiché le sostanze chimiche da essi rilasciate possono risultare dannose in quanto respirate per ore (di solito, l’intera notte).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*