Home » fitoterapia » Ginseng, il re delle piante adattogene

Ginseng, il re delle piante adattogene

Il Ginseng è una radice proveniente dall’Oriente dove è considerata a tutti gli effetti un rimedio contro ogni male. Esistono diverse varietà di questa radice: Ginseng americano, cinese, vietnamita, giapponese e siberiano(chiamato eleuterococco). Il Panax Ginseng  è il più studiato ed utilizzato e viene considerato il re delle piante adattogene.

►Proprietà:

  • Stimola il sistema immunitario, rafforzandolo contro batteri e virus e aiuta a prevenire le malattie da raffreddamento.
  • Il ginseng agisce come tonico negli stati di affaticamento psicofisico. Ha effetto tonico sul sistema nervoso centrale: migliora la capacità di concentrazione e potenzia la memoria. Grazie alle proprietà adattogene aumenta la resistenza allo stress risultando utile nei casi di astenia, affaticamento, ridotta capacità operativa. E’ utilizzato nei casi di convalescenza perché riduce i tempi di recupero psico-fisico.
  • Antidepressivo: aumenta i livelli di alcuni neurotrasmettitori (dopamina, adrenalina e noradrenalina) nel cervello, con azione antidepressiva, euforizzante e psicostimolante a livello cerebrale.
  • Antiossidante, protegge le cellule dall’invecchiamento.
  • Alcuni studi hanno evidenziato che le saponine del Ginseng intervengono nel metabolismo di zuccheri e lipidi mantenendo costanti  i livelli di colesterolo e glucosio nel sangue.

►Perchè si usa?

Il ginseng si usa nei momenti di affaticamento e deperimento psichico e fisico. Si può usare per stimolare la memoria e l’apprendimento, in caso di stress scolastico o lavorativo e quando ci si sente giù di tono.

►Precauzioni

Va assunto di mattina, preferibilmente al risveglio e non dovrebbe essere mai preso nel pomeriggio o la sera per evitare l’insonnia.

►Controindicazioni

Non consumare in gravidanza e allattamento. In chi è particolarmente sensibile può provocare irritabilità, insonnia, agitazione, tachicardia e tremore agli arti. Va quindi usato con cautela. Non indicato per i bambini o in caso di iperattività. Anche l’assunzione contemporanea di caffè è sconsigliabile.

►Interazioni
Il Ginseng può ostacolare l’azione dei farmaci antidepressivi triciclici, può aumentare i livelli di digossina (cardiotonico) nel sangue e può interferire, potenziandola, con l’azione farmacologica del warfarin. Sembra anche che il ginseng possa aumentare l’effetto farmacologico dei cortisonici e degli estrogeni. controindicata in caso di ipertensione, emorragia, terapia con anticoagulanti (warfarina) e con alcuni antidepressivi.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*