Home » fitoterapia » Il Biancospino, la pianta del cuore

Il Biancospino, la pianta del cuore

Il Biancospino (Crataegus oxyacantha) è un arbusto con rami spinosi appartenente alla famiglia delle Rosaceae, che nelle piante più adulte può assumere l’aspetto di un albero molto ramificato. La pianta fiorisce fra maggio e giugno con piccoli fiori bianchi molto profumati e delicati; i frutti maturano in piena estate e assumono un bel colore rosso brillante.

Parte utilizzata: I fiori sono la parte più importante dal punto di vista terapeutico poiché sono dotati di attività antispasmodiche, ipotensive,diuretiche ed astringenti. I fiori si raccolgono in marzo-aprile, quando sono ancora in boccio e vengono fatti essiccare all’ombra.

Proprietà: Grazie ai suoi principi attivi il biancospino viene utilizzato per curare il cuore, controllare la pressione arteriosa e il sistema nervoso: è rilassante, sedativo, astringente, ipotensivo. Viene utilizzato come regolatore cardiotonico naturale: ha un’azione sedativa sul cuore che aiuta a ridurre la frequenza cardiaca e le palpitazioni.

Indicazioni:

  • Ipertensione
  • nervosismo, ansia e angoscia
  • disturbi del sonno
  • tachicardia, aritmia cardiaca specie di natura ansiosa, palpitazioni.

Controindicazioni

Controindicato per chi soffre di bassa pressione. Non va usato durante la gravidanza e l’allattamento.Poiché è molto attivo nei confronti del sistema cardiocircolatorio è bene assumerlo sotto controllo medico e rispettando le dosi. Il Biancospino non va somministrato a cardiopatici in terapia con digitale perché ne potenzia l’effetto.

Come si assume: Il biancospino si trova come tintura madre (T.M.), oppure viene preparato come infuso da prendere la sera per la sua azione rilassante.

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*