Home » Argilla » La mia prova Ghassoul sui capelli

La mia prova Ghassoul sui capelli

Il Ghassoul, o Rhassoul, è un’argilla saponifera estratta sulle montagne dell’Atlante in Marocco. Da molti secoli è usato dalle donne orientali per detergere delicatamente pelle e capelli: il suo nome deriva infatti dal verbo arabo “Rassala”, che significa “lavare”. Il Ghassoul viene estratto da alcuni giacimenti della valle di Moulouya; dopo l’estrazione, questa argilla viene trattata e lavata con acqua per eliminarne le impurità, e in seguito viene adagiata su grandi superfici piane e seccata al sole. In vendita si trova come polvere o in piccoli pezzi secchi.Il Ghassoul può essere utilizzato in diversi modi:

  • Può essere usato come ingrediente di maschere per il viso, ma anche per detergere dolcemente la pelle e per lavare i capelli poiché pulisce in profondità eliminando le impurità.
  • Il Ghassoul è indicato per lavare i capelli al posto del comune shampoo. Contiene sostanze in grado di sgrassare la cute in modo delicato, senza seccare i capelli, e regolare la secrezione di sebo: il risultato è una chioma leggera e voluminosa. E’ indicato per ogni tipo di capelli, ma in particolare per i capelli grassi e con forfora.

La mia prova Ghassoul sui capelli

Ho provato personalmente l’efficacia di questa argilla saponaria sui capelli, utilizzandola al posto dello shampoo. Ci sono moltissimi articoli e ricette disponibili sul web, esistono anche dei video dove viene insegnata la preparazione del composto base. Io ho scelto la formula più semplice che si prepara davvero in 2 minuti:

  • Ingredienti: Ghassoul, miele, acqua
  • Preparazione: In una ciotola di plastica ho messo 2 cucchiai di Ghassoul, ho aggiunto il miele che ho sciolto nel microonde perché era solido, ho aggiunto un po’ di acqua e ho mescolato il tutto. Inizialmente ho ottenuto un composto denso e cremoso, poi a poco a poco ho aggiunto altra acqua fino ad ottenere la consistenza desiderata che nel mio caso era una cremina leggera e fluida, tipo la consistenza di uno yogurt per intenderci.

Lavaggio: ho bagnato i capelli e li ho tamponati, ma ho letto che si può mettere anche sui capelli asciutti. Ho applicato la cremina sulla cute e dopo 15 minuti ho sciacquato piano piano massaggiando ed emulsionando come fosse un normale shampoo. Dopo aver sciacquato bene ho asciugato i capelli.

Impressioni: Per prima cosa, essendo abituata a maschere con argilla ventilata, ero convinta che i capelli sarebbero risultati aggrovigliati e impettinabili, invece sembrava di avere usato un balsamo: i capelli erano facilmente pettinabili e profumavano di miele! Poi ho asciugato come al solito (phon senza diffusore).

Indubbiamente i capelli sono risultati voluminosi. Ho letto sul web che il Ghassoul purifica i capelli da tutti i prodotti utilizzati durante gli anni (lacche, gel, shampoo e siliconi…) e l’azione riequilibrante che riporta i capelli al loro naturale splendore può richiedere più lavaggi, perciò le prime volte la setosità, il corpo e la fluenza dei capelli potrebbero non essere immediatamente visibili. In effetti i capelli sembravano puliti, ma erano strani al tatto, sulle punte un po’ secchi e stopposi. Invece alle radici erano morbidi e puliti.

Conclusione: il lavaggio mi è piaciuto e lo rifarò sicuramente, sui miei capelli il risultato è migliore rispetto a quello ottenuto con la farina di ceci. Ho acquistato l’argilla saponaria in un negozio macrobiotico, è una confezione da 350 gr. della TEA, costo 4 €. Viene consigliato di utilizzare il Ghassoul per qualche settimana senza altri shampoo, per purificare definitivamente i capelli ed allungare i tempi tra un lavaggio e l’altro. Ora voglio vedere quanti giorni restano puliti, che è il tallone d’Achille dei capelli grassi! I capelli risultano un po’ opachi dopo il lavaggio, perciò alcune ricette consigliano un ultimo risciacquo con aceto di mele e acqua. Io l’ho accuratamente evitato perché combattendo da sempre con i capelli grassi costantemente lucidi, l’effetto opaco mi sembrava un sogno…..

Print Friendly

8 Responses for La mia prova Ghassoul sui capelli

  1. Maria Concetta ha detto:

    Grazie, molto Interessante, volevo sapere se il gassoul si può usare spesso e se c’è qualche altro modo più pratico per utilizzarlo sui capelli. Volevo chiedere anche che funzione svolge il miele nella formula e se devo usarne yun tipo in particolare….grazie!

    • Naturalmente ha detto:

      Ciao, quando ci prendi la mano diventa molto rapido, in alternativa puoi usare una bottiglia vuota di shampoo e metterci il gassoul e un pò di miele, poi acqua tiepida e una volta ottenuta la consistenza liquida lo usi proprio come shampoo (anche se non fa la schiuma). Il miele è idratante e districante per i capelli, li rende più morbidi e li nutre, inoltre profuma molto la preparazione, il che non guasta nelle maschere a base di argilla. Va bene un miele qualsiasi, uno che hai in casa, meglio però che sia liquido perchè quelli solidi si miscelano più a fatica. Grazie e continua a seguirci!

  2. Roberta ha detto:

    Ciao ma nell’impasto del ghassoul posso aggiungere un chiucchiaio di olio di jojoba per rendere i capelli più morbidi ? No perché ieri l ho privati per la prima volta ma sono risultati un po’ pesanti i capelli. Ah poi un altra cosa: ma quest impacco lo posso fare dopo avere fatto lo shampoo. Io uso quello dei provenzali al olio di sapote.

    • Naturalmente ha detto:

      Ciao, puoi aggiungere olio di jojoba o di mandorle, anche del miele se vuoi, per rendere i capelli più morbidi. Però se non usi il ghassoul come shampoo ma come impacco io lo userei prima del normale shampoo. Fai il tuo impacco e poi lo shampoo normale. Io mi sono trovata meglio così. Un consiglio che ti do è di diluire il tuo shampoo in un bicchiere (io uso un bicchierino dello yogurt dove metto pochissimo shampoo). Vedrai cmq molta schiuma ma lo shampoo diluito è meno aggressivo e i capelli restano puliti più a lungo!

  3. Naturalmente,anche io vorrei fare come te ,ho 24 anni e combatto da due anni con un forte prurito e la tentazione di rasarli a zero è fortissima,non lo faccio solo xk sono una donna,cmq scusa il piccolo sfogo e vorrei chiderti dopo quanto tempo poi si sono risèorcati ,a me si risporcano sempre dopo 2 giorni max.

    • Naturalmente ha detto:

      Si il problema della cute grassa è difficile da risolvere anche perchè ha sempre una causa, perciò anche lavando i capelli, se la causa non si risolve, possiamo migliorare ma non risolvere la situazione. La causa può essere ormonale, alimentare e via dicendo, perciò si può avere forfora, grassa o secca, prurito, sebo in eccesso che soffoca i bulbi e rende fragili e sottili i capelli, quindi caduta dei capelli…. un aiuto l’ho trovato nell’olio shampoo restive oil, attenzione perchè sembra non lavare i capelli, ma in realtà è eccezionale, perchè scioglie il grasso e non irrita il cuoio capelluto, i capelli sono soffici, vaporosi e ……puliti! anche se solo per un giorno in più, ma addio prurito…. io lo diluisco, ne metto un po in un bicchiere e poi metto acqua, lo verso sui capelli e massaggio… lo faccio 2 o 3 volte (attenzione non fa schiuma!!). Dopo 3 o 4 lavaggi inizi a vedere la differenza. Esiste anche un tipo per la forfora, io ho provato solo il classico, quello nella bottiglia marrone, magari puoi provare se diminuisce il prurito!

  4. Valentina ha detto:

    Fai l’impacco o lasci seccare l’argilla sui capelli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*