Home » bambini » La scienza nella serra: cresciamo le nostre piantine dal cotone ai vasetti

La scienza nella serra: cresciamo le nostre piantine dal cotone ai vasetti

Per Natale abbiamo ricevuto in regalo “La Mia Prima Serra“, un kit studiato per chi vuole avvicinarsi al mondo della botanica e provare a far crescere tante piantine. Il manuale illustrato fornisce tante informazioni sui fattori di crescita delle piante e sulla fotosintesi clorofilliana, suggerisce esperimenti e consente di seguire correttamente la crescita delle nostre piantine. E’ possibile acquistarla su Amazon, dove sono presenti diversi modelli, anche comprensivi di irrigazione.

Montaggio. Nella confezione è presente una serra trasparente, abbastanza semplice da montare, fatta eccezione per i gancini che tengono aperto il tetto, davvero duri da inserire. Una volta assemblata la serra passiamo ai 6 vasetti di plastica che devono essere riempiti dalla torba. I dischetti di torba vanno inseriti in acqua e lasciati rigonfiare, sono solo 3 perchè una volta rigonfiati con un dischetto si possono riempire 2 vasetti. Onestamente a noi sembrava scarsa e abbiamo aggiunto un po’ di terra dei nostri vasi per riempire meglio. Tutto questo si può fare aiutandosi con gli strumenti presenti nel kit: palette, bicchierino, pipetta.

Preparazione. Per quanto riguarda i semi, nel nostro kit sono presenti quelli di Basilico e Nasturzio. Prima di interrarli dobbiamo farli germinare con la tecnica del cotone, perciò con le pinzette li preleviamo e li distribuiamo tra due dischetti umidi. Precisazione. Dalle istruzioni non ho capito se anche i semini di basilico vanno fatti germogliare, oltre quelli di nasturzio. Allora procedo in questo modo: metà semini di basilico li metto a germogliare nel cotone e metà li pianto direttamente nel vasetto 1 con la terra. Ho dato dei numeri ai vasetti per seguirli meglio, scrivendoli con pennarello indelebile.  

Il primo giorno è concluso!

Crescita delle piantine

6 gennaio: montiamo la serra, prepariamo i vasetti e mettiamo a germogliare i semi.

10 gennaio: I semi, controllati ogni giorno e tenuti umidi, hanno iniziato a germogliare.

12 gennaio: i semini sono cresciuti e li invasiamo nei vasini, ricoprendoli di terra e innaffiandoli.

15 gennaio: Le piantine crescono a vista d’occhio, il basilico non andava fatto germogliare prima ho scoperto, poichè nel vasetto 1 è cresciuto dai semini bello alto.

L’avventura continua in tempo reale……

AGGIORNAMENTO LUGLIO 2020

Abbiamo rifatto l’esperimento anche a marzo durante il lockdown con semini di girasole e Nasturzio (un fiore), ceci e fagioli, semini di cactus e salvia. I ceci e i fagioli germogliano benissimo e crescono super rapidi, sono ideali per coinvolgere i bambini. Anche i girasoli. La salvia abbiamo tentato piu’ volte e abbiamo qualche risultato, mente abbiamo fallito con il cactus. Ovviamente nei nostri vasi piccoli c’è poca terra, non abbiamo grosse piantagioni di fagioli e soprattutto il terrazzo è sempre al sole, andrebbero innaffiate di piu’, ma siamo felici dei risultati. Ecco le foto:

Potrebbero interessarti anche:

  1. Organizzare un compleanno Hawaiano a tema Oceania Disney
  2. Cosa sono i Wimmelbuch?
  3. Piantare i semini nel cotone idrofilo
  4. Seggiolini auto normativa 2017: cosa cambia
Print Friendly, PDF & Email

4 Responses for La scienza nella serra: cresciamo le nostre piantine dal cotone ai vasetti

  1. Silvia Landi ha detto:

    Stupendo veder i cambiamenti in natura con i bimbi…il loro stupore e’anche il mio…!

  2. Silvia ha detto:

    Stupendo veder i cambiamenti in natura con i bimbi…il loro stupore e’anche il mio…!

  3. Marinella ha detto:

    Davvero istruttivo, grazie!Ora siamo alle prese col progetto per la scuola ed abbiamo.anche questa serra, si e rivelata utile in questo momento! Aggiornateci con l’avventura! Saluti

    • Naturalmente ha detto:

      Ciao! Mi fa piacere! Ora abbiamo la seconda “infornata ” di piantine nella nostra serra, menta, salvia, basilico, ceci e fagioli…. purtroppo è tornato il freddo, speriamo in un aumento delle temperature perchè andrebbero già svasate. Comunque ceci, fagioli e girasole sono i più veloci e resistenti finora! Ciao!

Rispondi a Silvia Landi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*