Home » cura del viso » L’invecchiamento cutaneo e la comparsa delle rughe

L’invecchiamento cutaneo e la comparsa delle rughe

L’invecchiamento cutaneo  provoca una serie di alterazioni fisiologiche che determinano la perdita di idratazione cutanea, la comparsa di microrughe, la perdita di elasticità, l’ipercheratosi e la formazione di macchie iperpigmentate, chiamate “macchie senili”. Queste alterazioni sono la risultante di due eventi paralleli: l’invecchiamento cronologico e l’invecchiamento dovuto a fattori ambientali.

  • L’invecchiamento cronologico è dovuto a fattori genetici; ha inizio dopo i 25 anni, per manifestarsi visibilmente dai 40 anni in poi. L’epidermide si assottiglia e diminuisce l’attività dei melanociti, cellule deputate a produrre la melanina. La carenza di melanina determina un aumento della sensibilità cutanea alle scottature durante l’esposizione al sole e alle radiazioni ultraviolette. Il derma si impoverisce di collagene, elastina ed acido ialuronico e la cute perde così tono ed elasticità. Rallenta il ricambio delle cellule cheratiniche di superficie e la pelle appare grigia e spenta. Anche le ghiandole cutanee vanno progressivamente riducendo la propria attività, con la conseguente riduzione del sebo ed un aumento della secchezza cutanea.
  • L’ invecchiamento indotto da fattori ambientali può essere causato da un’esposizione eccessiva e prolungata alla luce solare (foto invecchiamento), ma anche da diversi tipi di inquinanti, stress,fumo di sigaretta, dieta non adeguata e cambiamenti climatici repentini. Tutti questi fattori inducono la formazione di radicali liberi e la riduzione di enzimi che hanno proprietà antiossidanti, portando così a danni cutanei irreversibili.

Il segno più evidente dell’avanzare del processo di invecchiamento è dato dalle rughe, che hanno l’aspetto di solchi permanenti, lineari e sottili scavati sulla fronte. Esse si distinguono in due tipi: quelle di espressione e quelle di vecchiaia. Le rughe di espressione sono un riflesso della mimica facciale: si manifestano anche su un volto giovane e sono determinate da abitudini assunte quando si parla o si esprime le proprie emozioni attraverso l’espressione del volto. Le rughe di vecchiaia, invece,  compaiono fisiologicamente dopo i 30 anni, quando incomincia a venire meno quel tono e quell’elasticità che collagene ed elastina conferiscono alla pelle giovane. Inoltre, il cosiddetto grasso sottocutaneo comincia a perdere il suo turgore e la massa muscolare si rilassa. Possiamo dire che:

  • Tra i 30 ed i 40 anni, le zone interessate dalla comparsa delle rughe di vecchiaia sono le palpebre e le zone intorno agli occhi e alla bocca. I segni orizzontali sulla fronte iniziano a manifestarsi anche nella fase di riposo e non solo quando si contraggono i muscoli.
  • Tra i 40 ed i 50 anni si modificano i contorni del viso. Le rughe della fronte si accentuano, così come divengono più evidenti le cosiddette “zampe di gallina”; le labbra tendono ad assottigliarsi ed il tono delle guance si riduce drasticamente.
  • Tra i 50 ed i 60 anni si ha una forte perdita di tessuto adiposo che causa un forte calo di tono e la caduta verso il basso di guance e collo.

Possiamo agire sull’invecchiamento cutaneo cercando in primo luogo di evitare i fattori esterni, e in secondo luogo mantenendo una cura quotidiana costante della pelle attraverso una adeguata detersione ed idratazione cutanea. L’efficacia massima si ottiene con la prevenzione!

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*