Home » sana alimentazione » Papaya e papaina: benessere tropicale

Papaya e papaina: benessere tropicale

Oggi vorrei parlarvi della papaya, un frutto tropicale che non si trova spesso sulla nostra tavola in quanto non rientra nelle nostre abitudini alimentari. La papaya è ricca di acqua (circa 87%) e contiene numerose sostanze utili al nostro benessere.

Cosa contiene?
La papaya è ricchissima di :

  • Vitamine A, C, ed E
  • antiossidanti (selenio, flavonoidi, carotene)
  • minerali : potassio, calcio, fosforo  (utili per le ossa e per prevenire l’osteoporosi in menopausa), magnesio, ferro
  • enzimi che intervengono nella digestione,il più importante dei quali è la papaina

Cos’è la papaina? A cosa serve?

La papaina è un enzima che facilita la digestione delle proteine, perciò è considerata un rimedio insostituibile dopo i pasti abbondanti e frettolosi ; se invece viene ingerita a digiuno esercita un’azione antinfiammatoria e drenante. Per questo è utilizzata nella cura delle ritenzioni e nella lotta alla cellulite solitamente  in associazione agli enzimi dell’ananas.

La papaina combatte il bruciore di stomaco e la formazione di gas intestinali, inoltre ci aiuta a purificare l’organismo poiché rendendo la digestione più efficiente limita la formazione di sostanze di scarto che l’organismo deve eliminare in quanto tossiche.

A cosa servono gli integratori a base di papaya fermentata?

La papaya fermentata potenzia le caratteristiche benefiche di questo frutto e ci aiuta ancora di più a mantenerci in forma combattendo l’invecchiamento cellulare indotto dai radicali liberi. La fermentazione infatti esalta l’azione anti-ossidante già presente nel frutto fresco e introduce un’azione di stimolazione del sistema immunitario.

La scelta di un integratore a base di papaya fermentata inoltre elimina il rischio di effetti collaterali collegati all’utilizzo del frutto fresco: la papaina e gli enzimi presenti nel  frutto fresco possono provocare reazioni allergiche in alcuni soggetti, specialmente se allergici al lattice.  Poiché questi enzimi vengono distrutti dal calore, non sono più presenti dopo il processo di fermentazione e quindi negli integratori a base di papaya fermentata non li troviamo.

Anche se non siamo abituati a mangiare questo frutto possiamo sempre provarlo ….no?

A presto!

Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*