Home » cura capelli » Semi di lino: Impacco capelli fai da te

Semi di lino: Impacco capelli fai da te

Con i semi di lino si possono creare impacchi nutrienti per capelli. Esatto, non servono solo come alimento, ma sono anche un ingrediente cosmetico utile per la bellezza e la lucentezza dei capelli. I semi di lino si possono acquistare al supermercato o nei negozi bio, ma anche online e nelle Parafarmacie. 

L’impacco per i capelli ai semi di lino è veloce e facile da realizzare. Ecco cosa occorre:

Ingredienti

  • 40 gr di semi di lino
  • 250 ml di acqua
  • 6 gocce di olio essenziale di arancio dolce o lavanda (facoltativi)

Procedimento

  1. Mettere a bagno tutta la notte i semi di lino nell’acqua.
  2. Versare tutto in un pentolino, mettere sul fuoco e da quando inizia a sobbollire contare 5 minuti. In genere, più aumenta la cottura, più il gel ai semi di lino che ne verrà fuori sarà denso.
  3. Spegnere il fuoco e filtrare subito.
  4. Aggiungere a piacere l’olio essenziale e mescolare. (facoltativo)
  5. Lasciare raffreddare e mettere in un vasetto di vetro.

Come si utilizza

1) Questo impacco è particolarmente nutriente e si può utilizzare come maschera ristrutturante da tenere in posa almeno 30 minuti sui capelli prima di lavarli.
Più a lungo sarà il tempo di posa e più marcati saranno i risultati. Questo impacco donerà lucentezza e corpo alla capigliatura. Ottimo per capelli fini e sfibrati. Per quanto riguarda le quantità, dipende dalla lunghezza dei capelli.

2) Il gel ai semi di lino si può utilizzare anche come un normale balsamo, applicando sui capelli per poi risciacquare

3) Si può utilizzare come gel per capelli, modellandolo direttamente sui capelli per creare l’acconciatura. Indicato per capelli corti, per definire i ricci e per eliminare l’effetto crespo. Lascia l’effetto bagnato.

Conservazione

Si conserverà per circa 2 settimane in frigo. E’ inodore. Ma se comincia ad avere un profumo non gradevole è meglio non utilizzarlo. Si può anche congelare nella vaschetta del ghiaccio per avere delle monodosi da scongelare ed utilizzare all’occorrenza.

Potrebbero interessarti anche:

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*