Home » bambini » Tipologie di reggiseni per allattamento: quale scegliere

Tipologie di reggiseni per allattamento: quale scegliere

I reggiseni per allattamento si differenziano da quelli normali soprattutto per l’apertura, che permette di scoprire il capezzolo quando necessario senza comprimere o irritare la pelle del seno. Il reggiseno da allattamento non è indispensabile, ma è utile e consigliato per la sua praticità: grazie ad un reggiseno di questa tipologia riuscirete ad offrire il seno al vostro bambino in modo semplice e veloce,  con un solo gesto, sempre con il massimo della discrezione e privacy possibili, così che anche allattare fuori casa diventi un gesto semplice e naturale. Inoltre il seno sarà gonfio o dolorante, molto pesante e fastidioso e questi reggiseni offrono il giusto sostegno e confort per farvi sentire a vostro agio.

La differenza principale tra i vari modelli è nell’apertura del reggiseno:

►Il reggiseno per allattamento con apertura totale sul davanti consente di allattare il bambino in modo semplice: basta sganciare il reggiseno dagli appositi gancini frontali e per scoprire e ricoprire il seno in un solo gesto. (ad esempio Gratlin reggiseno, su amazon). Sono modelli con o senza ferretto, molto contenitivi, anche per i seni più pesanti.

►Il reggiseno ad incrocio frontale è privo di ganci, ma l’incrocio profondo delle coppe permette di spostarle lateralmente in modo molto semplice per scoprire il seno senza fastidi o ingombri. ( molto gettonato il reggiseno Medela su amazon). Sono in tessuto morbido ed elastico, senza imbottiture.

Caratteristiche dei reggiseni per allattamento

Per quanto riguarda la scelta del modello orientatevi a seconda della vostra comodità dopo averne provati diversi per poterli paragonare. Ecco le caratteristiche da considerare nella scelta:

►Per chi ha un seno abbondante, sono preferibili modelli con le spalline larghe per evitare che l’elastico segni la pelle delle spalle a causa del peso.

►È consigliabile anche evitare modelli con il ferretto, che potrebbe dare fastidio in quei momenti in cui il seno diventa particolarmente sensibile. I modelli di ultima generazione possiedono appositi elementi elastici o in silicone che consentono di sostenere comunque il seno, senza ricorrere al ferretto.

►Meglio optare per modelli senza cuciture e privi di etichette che possono arrecare irritazioni, prurito o che possono in alcune zone andare a premere in modo eccessivo.

►Il reggiseno per allattamento è disponibile con un design di tipo classico oppure con le bretelle incrociate. Il design classico è perfetto per le donne che non sentono di avere un seno molto pesante mentre le bretelle incrociate sono la scelta ideale per le donne che sentono di aver bisogno di un sostegno molto intenso.

► Per quanto riguarda il materiale il cotone è la scelta migliore, ma l’importante è che risulti morbido, leggero, traspirante, elastico e capace di seguire al meglio le linee del seno. Il modello imbottito è da evitare in quanto non consente una buona traspirazione e risulta troppo rigido.

► Ideali i modelli con elementi estensibili che consentono di modificare leggermente la taglia e di andare incontro alle esigenze di un corpo in continua trasformazione come quello della donna in fase di allattamento.

Non abbiate fretta di acquistare un reggiseno per allattamento, altrimenti c’è il rischio di sbagliare la taglia. Mentre si avvicina la data del parto informatevi sui vari modelli per conoscerne pregi e differenze, ma potete comprarli in un secondo momento. La montata lattea varierà infatti notevolmente la vostra taglia e dovrete considerare anche lo spazio per le coppette assorbilatte.

Potrebbero interessarti anche:

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*